Tokyo: Marmellata di mirtilli italiana bloccata perchè radioattiva

da su 25 ottobre 2013
marmellata di mirtilli

Alla dogana giapponese sono state bloccate in fermo tutte le marmellate di mirtilli, provenienti dall’Italia, dopo essere state ritirate dal commercio a Tokyo a causa della radioattività superiore ai limiti di legge vigenti in Giappone.

In 5 mila barattoli di marmellata biologica “Fiordifrutta” ai mirtilli neri prodotte dalla Rigoni di Asiago, è stata rilevata presenza di Cesio 137 pari a 140 becquerel (Bq) al chilogrammo (contro il tetto massimo consentito in Giappone di 100).

Contattato l’importatore, ne esce che i mirtilli utilizzati proverrebbero dalla Bulgaria e l’elevata radioattività potrebbe risalire all’incidente nucleare di Chernobyl in Ucraina nel 1986.

La notizia viene pubblicata dal Sole24ore.

Le autorità sanitarie metropolitane (Tokyo Metropolitan Institute of Public Health) hanno effettuato la rilevazione in questione il 18 ottobre. Va segnalato che i livelli di radioattività massima consentiti in Europa sono in vari casi di oltre 10 volte superiori a quelli restrittivi introdotti in Giappone nell’aprile 2012; quindi le marmellate in questione presentano un livello di radioattività entro la norma vigente in Europa.

Nel mese scorso i giornalisti del settimanale Shukan Asahi avevano iniziato verifiche a tappeto su prodotti alimentari europei, dopo aver ricevuto informazioni secondo cui alla dogana erano stata rilevata radioattività più alta del consentito in marmellate vendute dall’Ikea come “private brand”. Così hanno deciso di procedere in proprio con controlli a vasto raggio su alimenti provenienti dal’Europa (70 tipologie, compresi persino vino e pasta). Con verifiche incrociate (anche con rivelatori al germanio), hanno riscontrato livelli di Cesio 137 fino a 164 becquerel al kg nella marmellata italiana in barattoli con scadenza ottobre 2015. Inoltre livelli di 300 becquerel sono stati rilevati in una partita di funghi secchi (non precisata).

Secondo lo Shikan Asahi, l’importatore Mie Project ha fatto sapere che la radioattività viene misurata due volte all’anno in Italia e nell’ultima occasione, a settembre, un loro specifico esame a Tokyo ha dato risultati ampiamente nella norma. È atteso che le autorità giapponesi chiedano a quelle italiane di procedere a immediate verifiche.

Interpellata dal Sole-24 Ore, l’azienda vicentina fa le seguenti sei dichiarazioni:

1) “I mirtilli neri biologici da noi utilizzati sono frutti selvatici di montagna”

2) ” La Rigoni di Asiago svolge costantemente una attività di controllo della qualità su tutta la materia prima utilizzata, compresi i mirtilli neri”
bannerminaebruno1 Tokyo: Marmellata di mirtilli italiana bloccata perchè radioattiva

3) “Tutti i nostri prodotti, compreso Fiordifrutta mirtilli neri, vengono costantemente sottoposti a una attività di vigilanza da parte delle Autorità sanitarie italiane e nel corso di questi controlli non si sono mai verificate non conformità nel prodotto messo in commercio”

4) Abbiamo effettuato ulteriori analisi su vari lotti di Fiordifrutta ai mirtilli neri e sono stati riscontrati valori ben al di sotto di 100 Bq/kg, ovvero valori di 5,8 e 7,9 Bq/kg”

5) “A seguito dell’incidente di Fukushima il governo giapponese ha modificato i limiti ammessi per il contenuto di cesio negli alimenti in modo ancora più cautelativo: se ora in Giappone il limite per i prodotti come il nostro è di 100 Bq/kg contro il precedente 500 Bq/kg, nell’Unione Europea questo limite è ben superiore, ossia di 1250 Bq/kg, mentre negli Stati Uniti è di 1200″.

Fonte

Foto

3 Comments

  1. rebecca

    26 ottobre 2013 at 13:51

    ma l’articolo dice che “i livelli di radioattività massima consentiti in Europa sono in vari casi di oltre 10 volte superiori a quelli restrittivi introdotti in Giappone nell’aprile 2012; quindi le marmellate in questione presentano un livello di radioattività entro la norma vigente in Europa.”
    Come mai i giapponesi hanno abbassato così tanto i loro?
    Forse perché ne sono così pieni a causa di Fukushima che non possono prenderne alta?
    Tutto è radioattivo, e la radioattività diventa nociva oltre una certa soglia..
    Mi sembra tutto un po una bufala, forse dovuta che l’unione europea ha bloccato parecchi prodotti giapponesi, a causa della radioattività

    • SM

      27 ottobre 2013 at 17:11

      Perchè a seguito dell’incidente di Fukushima i Giapponesi hanno reagito emotivamente e istericamente al problema del Cesio negli alimenti. In europa dopo Chernobyl erano già stati abbassati i livelli consentiti a valori assolutamente sicuri. Il torto è dalla parte dei Giapponesi e si sta lavorando per modificare queste loro decisioni.
      Saluti SM

  2. Rebecca

    28 ottobre 2013 at 15:27

    SM posso chiederti chi sei?
    Hai risposto in modo molto sicuro e competente.
    E nel caso, dove trovo i livelli consentiti nei vari paesi di radioattività nei cibi?
    ciao grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>