La lista nera dei produttori alimentari con cibi OGM

By on 29 maggio 2013
lista cibi ogm

Greenpeace Russia affonda il colpo sugli OGM e sulle aziende che ne fanno un utilizzo sistematico. Per organismo geneticamente modificato (OGM) si intende un organismo, diverso da un essere umano, in cui il materiale genetico (DNA) è stato modificato in un modo non naturale.

Un Ogm, ovvero un organismo geneticamente modificato, è un organismo la cui materia genetica è stata alterata mediante tecniche di ingegneria genetica, altrimenti note come tecniche di Dna ricombinante. Con questo metodo si intende la combinazione in vitro di diverse molecole di Dna per creare un nuovo gene, che viene successivamente inserito in un organismo che può essere vivente o meno. Erroneamente si suole indicare tutti gli organismi Ogm come transgenici, in realtà si parla di transgenesi solo quando si inseriscono geni esogeni in un altro organismo, ovvero un ente strutturato riceve dei geni non suoi; mentre si parla di organismi cisgenici quando si ricombinano geni dello stesso organismo. In entrambi i casi si tratta sempre di Ogm.

Per ciò che riguarda il mercato,già nel 2000 Greenpeace Russia affermava: “di trenta prodotti che sono stati scelti per l’analisi il 30% contiene OGM. Diversi sondaggi hanno mostrato che i consumatori russi preferiscono i prodotti alimentari esenti da OGM o loro derivati​​. Nonostante questo, sono state adottate misure in Russia per informare i clienti circa gli OGM nei prodotti. L’atto normativo russo sulla marcatura (approvato con solo il capo ispettore sanitario) ordina di segnalare solo i prodotti che contengono più del 5% di ingredienti geneticamente modificate, mentre nell’Unione europea a norma di legge i prodotti devono essere contrassegnate se hanno più di 0,9% di OGM”

“In molti paesi dell’UE e degli USA listati di aziende che utilizzano i prodotti transgenici sono pubblicati regolarmente. Nel 2000, nella lista nera americana apparve aziende come Hersey di, Mars, Coca-Cola, Pepsi-Co, Nestle, Knorr, Lipton, Parmalat “

Ecco ad oggi, dopo 13 anni, la situazione si è evoluta e Greenpeace.org pubblica un nuovo studio affermando che le indagini non possono uniformare i mercati, ma che segnalano la tendenza della produzione di catene e aziende. Prima della lista alcune raccomandazioni:

1. Leggere le etichette. Il produttore deve indicare che la produzione di componenti OGM che è stata aggiunta (ma, in verità, non tutti lo fanno).
2. Evitare di ristoranti fast food. Ci sono alimenti OGM più comunemente utilizzati.
3. Evitare il pane imbustato o a lunga conservazione 
4. Quasi tutte le salsicce, la carne in scatola e salumi vengono prodotti con l’aggiunta di componenti geneticamente modificati. Di solito i prodotti senza componenti geneticamente modificate non possono essere così a buon mercato.

Possiamo quindi stilare una lista di operatori del mercato alimentare, che sono soliti utilizzare OGM per la realizzazione dei loro prodotti:

 

Società di produzione Kellog “s

Corn Flakes (cereali)
Frosted Flakes (cereali)
Rice Krispies (cereali)
Corn Pops (fiocchi)
Schiaffi (fiocchi)
Froot Loops (anelli di cereali colorati)
Di Apple Jacks (cereali-ring con il gusto di mela)
All-Bran Apple Cinnamon / Blueberry (crusca sapore di mela, cannella, mirtillo)
Gocce di cioccolato (gocce di cioccolato)
Pop Tarts (sfoglia ripiena di tutti i gusti)
Nutri-grain (brindisi pieno di tutti i tipi)
Crispix (biscotti)
Smart Start (fiocchi)
All-Bran (Flakes)
Just Right Fruit & Nut (fiocchi)
Miele Crunch Corn Flakes (cereali)
Raisin Bran Crunch (cereali)
Cracklin “crusca di avena (fiocchi)

Produzione società Hershey “s

Toblerone (cioccolata, tutti i tipi)
Mini Baci (cioccolatini)
Kit-Kat (barretta di cioccolato)
Baci (cioccolatini)
Chips di cottura semi-dolci (biscotti)
Chocolate Chips di latte (biscotti)
Reese “s Peanut Butter Cups (burro di arachidi)
Scuro speciale (cioccolato fondente)
Cioccolato al latte (cioccolato al latte)
Sciroppo di cioccolato (sciroppo di cioccolato)
Dark Chocolate Syrup speciale (sciroppo di cioccolato)
Strawberry Syrop (sciroppo di fragola)

Casa di produzione Mars

M & M “s
Snickers
Via Lattea
Twix
Nestle
Crunch (fiocchi di riso al cioccolato)
Cioccolato al latte Nestle (cioccolato)
Nesquik (bevanda al cioccolato)
Cadbury (Cadbury / Hershey “s)
Fruit & Nut

Casa di produzione Heinz

Ketchup (regolare e senza sale) (ketchup)
Chili Sauce (salsa di peperoncino rosso)
Heinz 57 Steak Sauce (con sugo di carne)

Società di produzione Hellman “s

Reale Maionese (maionese)
Maionese Light (maionese)
Maionese Low-Fat (maionese)

Società di produzione Coca-Cola

Coca-Cola
Sprite
Cherry Coca
Minute Maid Arancione
Minute Maid Uva

Casa di produzione PepsiCo

Pepsi
Pepsi Cherry
Mountain Dew

Società di produzione Frito-Lay / PepsiCo (componenti GM possono essere presenti nel petrolio e altri ingredienti)

Stabilisce Potato Chips (tutti)
Cheetos (tutti)

Società di produzione Cadbury / Schweppes

7-Up
Dr. Pepe

Produzione Pringles (Procter & Gamble)

Pringles (patatine fritte con sapori originali, Magro, Pizza-licious, Sour Cream & Onion, Salt & Vinegar, Cheezeums)

E come alimentazione OGM in Russia per prodotti:

Kellogg (Kellogg) – produce cereali per la colazione, tra fiocchi di mais
Nestlé (Nestlé) – produce cioccolato, caffè, bevande caffè, alimenti per l’infanzia
Unilever (Unilever) – produce alimenti per l’infanzia, maionese, salse, ecc
Heinz Foods (Hayents Foods) – produce ketchup, salse
Hershey (Hershis) – produce cioccolato, bibite
Coca-Cola (Coca-Cola) – Coca-Cola, Sprite, Fanta, Tonic “Denali”
McDonald (McDonald) – una rete di “ristoranti” fast food
Danon (Danone) – produce yogurt, kefir, ricotta, alimenti per l’infanzia
Similac (Similac) – produce alimenti per l’infanzia
Cadbury (Cadbury) – produce cioccolato, cacao
Marte (Mars) – produce cioccolato Mars, Snickers, Twix
PepsiCo (Pepsi-Cola) – Pepsi, Mirinda, Seven-Up

(Secondo greenpeace.org)

Tornando a noi, con l’introduzione di Ogm e avvelenando pasta e pane dal 2004 ad oggi la vita media sana è crollata in Italia di almeno 10 anni (fonte Eurostat ufficiale) proprio, guarda caso, dall’anno in cui entrarono gli OGM negli alimenti.

Tra l’altr0, nel 2012 La Corte di Giustizia ha infatti condannato l’Italia per avere vietato la coltivazione di mais Mon810 alla multinazionale statunitense Pioneer Hi Bred. Che, nel 2008, aveva fatto causa al Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali per non avere permesso alla sua filiale italiana di coltivare il cereale sviluppato da Monsanto. Secondo la Corte, se la coltivazione di una pianta geneticamente modificata è già stata autorizzata dall’Unione, non c’è sovranità nazionale che tenga, e ogni Stato membro si deve adeguare. Cosa che l’Italia, in effetti, non ha mai fatto, preferendo prendere tempo ed evitando di agire. La vittoria dei produttori di Ogm, dunque, può essere vista come una conseguenza delle lacune normative italiane, e dell’assenza di leggi regionali che regolino la coesistenza di varietà tradizionali e geneticamente modificate. E’ una lotta impari per la potenza di queste multinazionali e per la pervasività dei loro prodotti sul mercato, unita alla disinformazione dei mass media. Cerchiamo tutti di dare un piccolo contributo per un nuovo consumo etico e consapevole.

 

fonti:  http://www.greenpeace.org/russia/Global/russia/report/2006/7/32698.pdf

http://files.meetup.com/207052/Le%20liste%20di%20Greenpeace%20-%20OGM.pdf

http://lesyafit.ru/?p=2988

loading...

27 Comments

  1. Valeria

    30 maggio 2013 at 09:36

    Ma qual è il motivo per cui non bisognerebbe comprare OGM? Qualcuno lo sa? Anche la carota è un OGM, visto che all’inizio era nera e non arancione ed è stata incrociata. E’ comunque sempre una selezione genetica, applicata dall’uomo alla natura. Oggi esistono metodi più veloci per farlo. Oggi esiste anche la fecondazione assistita; vuol dire che è nociva perchè fatta in vitro?Cos’è esattamente che non va negli OGM? Sapete che certi OGM richiedono per resistere a malattie e insetti pochissimi o nessun fertilizzante? Avete mai letto qualcosa a riguardo? Boh. Davvero il bio sarebbe il meglio per la società? Mai sentito parlare di Sandra Kavira in Uganda? Ci sono paesi dell’Africa dove l’agricoltura di sussistenza (biologica!!!) è una realtà che significa fame. Questo lo sapevate? E inoltre quali sarebbero questi pericoli derivanti dagli OGM? Nell’articolo non ci sono scritti. Dove si leggono? Avete degli studi scientifici a riguardo? Dove posso vederli? Sapevate che il mais biologico rischia di sviluppare sostanze cancerogene a causa delle sue minori difese immunitarie? Su quali fatti vi basate per dire ciò che dite? E comunque se quasi tutta la popolazione consuma OGM a causa di quelle aziende da voi citate dovremmo avere quasi tutti problemi, da anni. Potete affermare che sia così?

    • admin

      30 maggio 2013 at 10:04

      Sicuramente le problematiche legate agli OGM non sono frutto della nostra fantasia
      http://ambientebio.it/il-pericolo-degli-ogm/
      http://ambientebio.it/la-verita-sugli-ogm/

      • Valeria

        30 maggio 2013 at 10:18

        Cito dall’incipit del vostro articolo “l’assenza di studi scientifici indipendenti sui possibili effetti a lungo termine di una dieta a base di piante OGM sugli esseri umani o addirittura sui topi.”

        Assenza di studi scientifici. Poi ho inserito su Google “Studi Seralini” e guardate le multinazionali cosa hanno fatto venir fuori come primo risultato: https://www.google.it/search?q=studio+seralini&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a&channel=fflb

        “Non suffragate dai dati le conclusioni dello studio Seralini” >>> (EFSA, autorità europea per la sicurezza alimentare)

        Lette già queste due cose non ho altro tempo da perdere con voi.

        • Giulio

          22 luglio 2013 at 13:03

          Salve a tutti cari esseri viventi del pianeta terra. Gli OGM non sono una cosa che ha creato la natura. l’uomo come sempre vuole imitare e provare a superarla: potranno passare miliardi di anni ma mai ci riuscirà(anche perchè se continua di questo passo poco rimarrà della terra). studi o non studi di per se un ogm è qualcosa che va contro la biodiversità: nel caso più comune del mais, si tende a demonizzare la Ostrinia nubilalis (la piralide), la soluzione più economica con maggiori profitti e più sbrigativi è stata quella di introdurre un gene del Bacillus thuringiensis nel mais……cavolo ma la soluzione non è questa. La piralide non ha colpa, la monocoltura lo è. Soluzioni come l’utilizzo di repellenti naturali e non nocivi forse sarebbe un pò migliore. Zone cuscinetto? qualcuno ha l’idea di cosa sono i rovi? sono un serbatoio di insetti, acari, uccelli ed altro che si nutrono di quello che attacca le colture. Con il cuore dico apertamente voglio la biodiversità, non gli OGM.

    • Oreste Marini

      30 maggio 2013 at 12:56

      Cara Valeria,che a lei piacciano i cibi OGM,e le procurino un sacco di problemi di salute,creda non ci importa.Che i governanti a livello nazionale ed Europeo vangano sponsorizzati dalla Monsanto invece ci importa.Perchè penso questo? Perchè non capisco tutta questa insistenza nello spingere i cibi OGM.NON vogliamo gli OGM,bene l’unione Europea vuole dichiarare tutte le sementi fuori legge ed eventualmente approvarle.Se voteranno questa legge,il contadino vicino a casa sua che si produceva i semi non lo potrà più fare perchè diventerà un delinquente.Il suo babbo che coltiva l’orto,con pieno diritto atavico per ora potrà,non le sembra una cosa talmente idiota che non sta ne in cielo ne in terra?Due pesi e due misure,Lei pone tante domande,si documenti visto che usa internet,chieda a i funzionari dell’FDA che hanno autorizzato le coltivazioni senza sperimentazione in virtùdi quale SANTO oggi lavorano alla Monsanto con stipendi più che bdecuplicati,ste cose mi fanno pensare male.Chieda ai direttori di dei più famosi laboratori di ricerca come mai improvvisamente,dopo aver affermato che le loro ricerche davano effetti nefasti a chi avesse assunto tali alimenti,sono stati licenziati in modo infamante.Le consiglio di partire da un libro di tanti anni fà :”L’inganno a tavola”poi chieda nei siti di oncologia americani quanti morti per il mais OGM,Al governo Canadese perche è crollato il mercato del miele che era una delle maggiori fonti di esportazione assieme al grano.Purtroppo il polline vaga nell’aria e impesta le coltivazioni circostanti.Perchè la monsanto ha una sentenza mondiale che se sul mio orto,nasceranno verdure ogm,dovrò pagare i diritti alla monsanto.Alla FACCIA della LIBERTA e Della DEMOCRAZIA:Il suo diritto a coltivare OGM cessa nel momento in cui arreca danni alle mie coltivazioni.Le ho dato motivo e spunti per documentarsi,lo faccia poi mediti e ci faccia sapere le sue conclusioni.PS Veronesi afferma che gli OGM sono buoni e fanno bene,ma lui è vegetariano e non mangia la carne delle mucche ormai carnivore e trattate con ormoni.Buona gionata.

    • Alfio

      30 maggio 2013 at 15:20

      “Tornando a noi, con l’introduzione di Ogm e avvelenando pasta e pane dal 2004 ad oggi la vita media sana è crollata in Italia di almeno 10 anni (fonte Eurostat ufficiale) proprio, guarda caso, dall’anno in cui entrarono gli OGM negli alimenti”. Provi ad informarsi tra i ventenni di oggi: almeno uno su tre soffre di disturbi della digestione e di problemi di vario genere allo stomaco. Sempre piu persone si ritrovano improvvisamente intolleranti a certi alimenti, col colon infiammato o con disturbi simili alla celiachia… Saranno tutte casualità? Per me no, visto che 30 anni fa non era cosi. Buon OGM a tutti!

    • Simone

      1 giugno 2013 at 18:43

      Ma sei decelebrata per caso??? infatti i casi di tumori sono in crescita proprio nell’ultimo biennio..stanno raggiungendo la soglia del 4 su 10…40%..se sei tanto contenta dei risultati della scienza ingozzati pure di merda ma non provare in alcun modo di difendere l’indifendibile o a minimizzare una catastrofe alimentare voluta dalle multinazionali come MONSANTO E BIG PHARMA…Che bisogno hanno queste due multinazionali di dichiarare fuori legge chi si fa l’orto sotto casa???…probabilmente sei una ricercatrice o similare per essere così di parte

      • angela

        1 giugno 2013 at 18:56

        decerebrata

    • Giulio

      31 gennaio 2014 at 17:36

      Mentre l’OGM, inteso come organismo ottenuto in laboratorio mediante tecniche di scambio, inserimento, di

      porzioni di DNA specifici in un altro organismo appartenente ad un altro regno, o anche la stessa specie, è

      un qualcosa che in natura non avviene, l’ibridazione è un qualcosa di gran lunga più vicino a quello che la

      natura fa. Quando un’ape vola su un fiore della pianta “A” portando con se il polline e posandosi sulla

      pianta “B” fa quello che farebbe il vento e cioè aiuta (involontariamente, ma esiste una vera coevoluzione

      tra insetto pronube e pianta) la fecondazione. Quello che viene ottenuto dalla fecondazione non pùò essere un

      individuo identico alle due piante Genitori. Avviene uno scambio di materiale genetico (anche minimo che

      porterà per forza ad un individuo differente). In agronomia l’incrocio tra due cultivar facenti parte alla

      medesima specie origina una nuova cultivar, ma il risultato che si ottiene è del tutto casuale. Se non

      s’incrociano linee pure, difficilmente potremmo ottenere individui simili, precisi.
      L’ OGM è una trovata dell’uomo per nuovamente manovrare la natura e per ottenere il massimo profitto, gudagno

      denari. Gli OGM che non richiedono (non azzerderei a dirlo) fertilizzanti (come possono produrre di più se

      non gli dai fertilizzanti???) o insetticidi (a tale proposito bisognerebbe leggersi qualche ricerca in merito

      della resistenza di alcuni lepidotteri , come la piralide alla tossina prodotta dal mais [introduzione del

      gene Bt di un batterio nel Dna di una pianta].
      Quello che mi chiedo è: la fame nel mondo non la posso risolvere da solo, ma posso contribuire a non sprecare

      le cose, come l’acqua, il cibo, l’energia, etc. Non serve produrre di più ma ridistribuire le risorse e

      lasciare che i paesi poveri e non, si producano le cose in maniera autonoma, solo dopo aver risolto il

      problema interno allora si può essere propensi a importare ed esportare nei mercati. Perchè devo mangiare

      pomodori più ricchi di antiossidanti? non ha senso! i pomodori contengono già antiossidanti e se mangiati in

      maniera non eccessiva e regolare possono aiutare a mantenerci sani e belli. Il segreto di una dieta sana non

      si basa sull’ingerire tonnellate di polifenoli, minerali, vitamine, etc in un giorno, ma bensì diluirlo

      negli anni. Un bicchiere di succo di arance al giorno può fare bene (per chi non è intollerante), ma se bevo

      10 litri di succo al giorno vado in bagno o muio di gastrite.
      Visto che gli OGM sono una pura manipolazione genetica (ancora l’uomo non sa e non saprà mai spiegare come i geni si ricombinano effettivamente [fino a qualche giorno fa alcuni tratti di DNA per l’uomo non servivano a niente…ops..], potrò in veste di abitante del pianeta terra essere libero di mangiarmi la frutta, la verdura e qunat’altro non OGM? o devo mangiare quella cosa perchè un popolo di multinazionali e seguaci mi dice che non ci sono prove scientifiche che gli OGM non fanno male? ma perchè…scusate esistono prove sul fatto che gli OGM fanno bene ?? l’uomo è almeno da un pò di millenni che si nutre di frutta e verdura incrociata e non modificata in laboratorio (tramite tecniche di ricombinazione)…
      Probabilmente il mais biologico può sviluppare tumori, ma non perchè contiene minori difese immunitarie, ma magari perchè viene stoccato per 40anni in luoghi altamente inquinati, magari a volte scambiati volutamente per fregare i consumatori per convincerli di un mais bio che non è bio. Poi i tumori da cosa sono causati??? da tossine? metalli pesanti? acqua? patatine fritte?? dati alla mano??

      Io non voglio gli OGM.

    • Giulio

      31 gennaio 2014 at 17:48

      Mentre l’OGM, inteso come organismo ottenuto in laboratorio mediante tecniche di scambio, inserimento, di

      porzioni di DNA specifici in un altro organismo appartenente ad un altro regno, o anche la stessa specie, è

      un qualcosa che in natura non avviene, l’ibridazione è un qualcosa di gran lunga più vicino a quello che la

      natura fa. Quando un’ape vola su un fiore della pianta “A” portando con se il polline e posandosi sulla

      pianta “B” fa quello che farebbe il vento e cioè aiuta (involontariamente, ma esiste una vera coevoluzione

      tra insetto pronube e pianta) la fecondazione. Quello che viene ottenuto dalla fecondazione non pùò essere un

      individuo identico alle due piante Genitori. Avviene uno scambio di materiale genetico (anche minimo che

      porterà per forza ad un individuo differente). In agronomia l’incrocio tra due cultivar facenti parte alla

      medesima specie origina una nuova cultivar, ma il risultato che si ottiene è del tutto casuale. Se non

      s’incrociano linee pure, difficilmente potremmo ottenere individui simili, precisi.
      L’ OGM è una trovata dell’uomo per nuovamente manovrare la natura e per ottenere il massimo profitto, gudagno

      denari. Gli OGM che non richiedono (non azzerderei a dirlo) fertilizzanti (come possono produrre di più se

      non gli dai fertilizzanti???) o insetticidi (a tale proposito bisognerebbe leggersi qualche ricerca in merito

      della resistenza di alcuni lepidotteri , come la piralide alla tossina prodotta dal mais [introduzione del

      gene Bt di un batterio nel Dna di una pianta].
      Quello che mi chiedo è: la fame nel mondo non la posso risolvere da solo, ma posso contribuire a non sprecare

      le cose, come l’acqua, il cibo, l’energia, etc. Non serve produrre di più ma ridistribuire le risorse e

      lasciare che i paesi poveri e non, si producano le cose in maniera autonoma, solo dopo aver risolto il

      problema interno allora si può essere propensi a importare ed esportare nei mercati. Perchè devo mangiare

      pomodori più ricchi di antiossidanti? non ha senso! i pomodori contengono già antiossidanti e se mangiati in

      maniera non eccessiva e regolare possono aiutare a mantenerci sani e belli. Il segreto di una dieta sana non

      si basa sull’ingerire tonnellate di polifenoli, minerali, vitamine, etc in un giorno, ma bensì diluirlo

      negli anni. Un bicchiere di succo di arance al giorno può fare bene (per chi non è intollerante), ma se bevo

      10 litri di succo al giorno vado in bagno o muio di gastrite.
      Visto che gli OGM sono una pura manipolazione genetica (ancora l’uomo non sa e non saprà mai spiegare come i geni si ricombinano effettivamente [fino a qualche giorno fa alcuni tratti di DNA per l’uomo non servivano a niente…ops..], potrò in veste di abitante del pianeta terra essere libero di mangiarmi la frutta, la verdura e qunat’altro non OGM? o devo mangiare quella cosa perchè un popolo di multinazionali e seguaci mi dice che non ci sono prove scientifiche che gli OGM non fanno male? ma perchè…scusate esistono prove sul fatto che gli OGM fanno bene ?? l’uomo è almeno da un pò di millenni che si nutre di frutta e verdura incrociata e non modificata in laboratorio (tramite tecniche di ricombinazione)…
      Probabilmente il mais biologico può sviluppare tumori, ma non perchè contiene minori difese immunitarie, ma magari perchè viene stoccato per 4000 anni in luoghi altamente inquinati, magari a volte scambiati volutamente per fregare i consumatori per convincerli di un mais bio che non è bio. Poi i tumori da cosa sono causati??? da tossine? metalli pesanti? acqua? patatine fritte?? dati alla mano??

      Io non voglio gli OGM, teniddiri.

    • Salvo

      13 aprile 2014 at 22:41

      Forse tutti non quelli che si arricchiscono con gli ogm, sanno che anche la loro vita è in pericolo. Infatti la presenza di sostanze chimicamente compatibili e producibili dai quei geni e tossiche per gli altri organismi, non si ferma in nessun modo, e la filiera è lunga. E’ certo che le tossine producono il cancro. Ma si potrebbe parlare di entropia biologica irreversibile degli alimenti. Se tali variazioni sono statisticamente dominanati sulle altre varietà, allora si potrebbe perdere il patrimonio biologico di quasi tutti gli alimenti. Ci sono già molte piante tossiche, e la scienza consiglia di evitarle… loro vivono, ma chi le tocca no.

      • vladimiro pelliciardi

        30 giugno 2015 at 14:18

        caro Salvo mi potresti aiutare a capire come si potrebbe misurare o confrontare la quantità di entropia di un alimento?

    • Sebastiano

      15 giugno 2014 at 22:08

      Valeria, ma lavori per la Monsanto? 🙂
      La domanda che vorrei farti è: perchè dovrei ACCETTARE i prodotti OGM, dato che quelli che madre natura ci ha dato vanno benissimo? Perchè dovrei alimentarmi con un prodotto aberrante che in millenni di storia umana, non si è mai trovata in natura, solo perchè una multinazionale vuole vendere ad ogni costo i loro prodotti (semi e diserbanti)? Se li mangino LORO da mattina e sera!!!

    • Jacopo

      15 settembre 2014 at 23:40

      Ora che la stanno pagando pochi spiccioli per essere pro ogm e sta rischiando di mettere in pericolo persone non opportunamente informate si sente più realizzata?
      La notte riesce davvero a dormire senza rimorsi e con la coscienza pulita?
      Spero si renda conto della gravità: Promuovere l’utilizzo di cibi alterati geneticamente dall’uomo che provocano danni a tutte le forme di vita dovrebbe essere un crimine!
      Le carote come lei cita non sono altro che una selezione naturale forzata, ovvero incrociare tra di loro esemplari con una determinata caratteristica NATURALE fino ad aumentarla…
      La fecondazione assistita non ha nulla a riguardo con gli ogm in quanto il materiale genetico non viene alterato in alcun modo…
      Gli ogm resistenti a parassiti senza l’uso di insetticidi di cui lei parla riescono ad avere questa caratteristica solo per il semplice motivo che in essi è stato innestato un gene che produce una tossina tossica per gli insetti , ed essendo tossica cosa può provocare a chi la mangia?
      Oltre ad una serie infinita di effetti collaterali che non sto qui a dirle perché sicuramente gia li conosce… Ed è questo il lato peggiore!

    • Francesco

      22 novembre 2014 at 23:58

      Cara Valeria,
      ricombinare i geni non è questione da poco.

      La natura ha un suo metodo, testato nel lungo tempo della storia della vita, un suo rispettabile progetto (rispettabile per il semplice fatto che esistiamo) che prosegue da milioni di anni più o meno indisturbato.

      Noi siamo una delle espressione di questo progetto ma ciò non vuol dire essere “il progetto”…figurati proclamarsi “progettisti”, diventeremmo una degenerazione (quale in effetti certe volte vien da pensare di essere).

      Quando iniziamo a interferire con un progetto cosi antico, che va avanti dalla notte dei tempi (la più grande e concreta dimostrazione di CREAZIONE in effetti), nel goffo tentativo di prenderne il controllo, come avviene quando si inizia con il ricombinare geni che la natura ha sapientemente accostato nella storia dell’evoluzione delle specie, ci assumiamo la responsabilità delle conseguenze che ne derivano.

      esempio: avendo un’allergia o un’intolleranza alle arachidi, potresti avere uno shock anafilattico mangiando un kiwi o del salmone ogm in quanto dei geni del legume sono finiti non per caso in un frutto o (assurdo) in un animale.

      Ma queste sono solo caramelle…Immagina dopo aver combinato e ricombinato geni di specie animali e vegetali per beneficare direttamente (ma apparentemente a mio parere) dei risultati ottenuti.

      Ci ritroveremo pieni di cibo (sempre che tale lo si possa definire), privati al contempo di ogni processo facente parte di quello che sarebbe solo il ricordo di quello che potremmo definire ECOSISTEMA.

      Che ne sarebbe di processi come l’impollinazione? E delle specie animali che vivono in simbiosi con questo processo della natura vegetale la cui unione ha garantito DA SEMPRE la sopravivenza non solo dell’uomo ma della vita intera su questa pallina rotante nell’universo!

      Non è questo il percorso per la risoluzione dei problemi della piccola grande umanità.

      Una buona strada sarebbe il rispetto di se stessi prima di tutto, mangiare cibo sano, cibo semplice (seguendo il progetto della natura) che risulterebbe quello più economico guarda caso, in abbondanza per me, per te e per chiunque oggi ha ancora lo stomaco vuoto,(domani sperimao di no).

      Cosi facendo avremo modo di rispettare gli altri, quelli dei paesi dell’africa di cui parli per esempio…
      Molti di loro non hanno niente proprio perchè gente come me e te discute sdraiata comodamente su un divano, attraverso pc, mac e cellulari di ogni genere, sgranocchiando alette di pollo e bevendo campari soda tra comfort per noi ovvi, vivendo di spreco che va oltrè la necessità individuale e collettiva ma diviene religione e fondamento per la malata economia sulla quale si sorregge questa nostra malata realtà.
      Niente di nuovo insomma!

      Contrariamente il pianetà si risanerà comunque come deceva il caro George Carlin, la natura riprenderà il controllo delle sue cose una volta che noi, individualmente e come collettivo umano, avremo fallito nell’intento di esistere con la forza, ottenendo unasicure e meritata estinzione.

    • Flavio De Martino

      5 maggio 2016 at 15:18

      Carissima Valeria ti dico solo una cosa:
      non ti rendi conto che gli OGM dono cancerogeni? no??
      Credi che sono buoni per la salute??? si?
      ci sono milioni di persone che soffrono per tumori relativi agli ogm ti rendi conto che per soldi le MULTINAZIONALI mettono a rischio la vita di tutto il mondo? se ami gli OGM mangiateli solo tu, c’è gente che muore per questo….

  2. Luis M.B.

    1 giugno 2013 at 21:51

    Per quale motivo non comperare prodotti OGM? Per il semplice motivo che nascono da aziende a cui NON interessa assolutamente salvare il mondo dalla fame, anzi, fanno di tutto per far scomparire elementi autoctoni e naturali a favore dei propri prodotti forse sicuri (forse…) ma sicuramente sterili, per cui a ogni semina si devono spendere soldi, molti soldi, riducendo l’agricoltura a mero prodotto industriale… Ergo, si produce OGM per il puro guadagno a discapito di tutto il resto, non per motivi filantropici o per cibi più “sicuri” e per tutti.

    • Oreste Marini

      2 giugno 2013 at 14:09

      Mi sembra che si dicano sempre le stesse cose,perchè si,perchè no.La mia documentazione inizia con un libro :L’inganno a tavola: Ho già suggerito l’acquisto,partite da lì,fatevi delle domande,cercate in internet o nelle bibliografie e datevi delle risposte.Una cosa è certa che gli OGM richiedono sempre più pesticidi e di gran lunga più pericolosi,è un’escalation all’esponente.Vedi quelli che stanno facendo morire tutte le api.I rapporti medici Americani sulle morti per il mais della monsanto.Il miele Canadese che nessuno vuole perche è Ogm non per volonta degli apicultori,che ne hanno un enorme danno,ma perche il polline vola col vento e ha modificato i fiori,le api stesse lo hanno diffuso,Gli stati del Sud America che hanno subito ,anche per colpa loro ,i disboscamenti selvaggi e ora si trovano immensi teritori completamente STERILI dove per migliaia di anni non crescerà più niente i coltivatori di cotone Indiani ai quali era stato promesso un raccolto superiore del 20% e di qualità migliore,risultato,produzione 20% in meno e qualità del cotone più scadente e via dicendo per non parlare degli effetti nefasti sugli animali nei laboratori di ricerca.Aumento dei tumoriin modo consistente,modifica degli organi interni sterilita alla seconda o terza generazione e altro ancora.Quando tutti ci saremo documentati per bene se ne può parlare ,fino ad allora sono discorsi tra sordi.grazie dello spazio che mi avete concesso oreste

  3. Valeria

    2 giugno 2013 at 16:59

    Oreste, grazie per la risposta pacata. Sicuramente leggerò e mi informerò ancora. Ma allora lei legga anche qualcosa di Bressanini sull’argomento! No? Per un confronto dati alla mano, senza pregiudizi, ascoltando anche un ricercatore che ne parla.

    Per tutti gli altri: spero che non abbiate la maggiore età, perchè altrimenti è davvero grave che aggrediate persone che non conoscete con insulti d’ogni genere. Merito del computer… Oppure nella vita di tutti i giorni insultate in questo modo le persone che esprimono pacatamente le loro opinioni? Grazie al cielo siete dietro al computer, e potete comportarvi da porci.

    • Joe

      4 agosto 2013 at 02:10

      Egregia Sig.ra Valeria, chi scrive ha fatto parte in passato di un movimento, composto da persone qualificate, che ha combattuto contro l’introduzione degli OGM in Italia. La questione è abbastanza semplice: gli OGM sono stati creati per aumentare i profitti delle multinazionali della biochimica e per ridurre l’indipendenza degli agricoltori. La casistica dei danni e dei disagi provocati dall’uso degli OGM è sterminata, in tutto il mondo. L’ingegneria genetica generalizzata è solo una parte delle numerose misure messe in atto dai potenti del mondo per ridurre sempre di più la nostra autodeterminazione. Anche su questo troverà prove ed esempi eclatanti in abbondante misura. Accettare una realtà così dura è difficile, ma solo così ci si può riappropriare, almeno in parte, del proprio diritto di scegliere per il meglio.

    • Stefano Lazzari

      16 luglio 2014 at 20:59

      “Non ho tempo per voi” “potete comportarvi da porci”.Questo per Valeria è esporre pacatamente le proprie opinioni. A Valeria consiglio la lettura della ricerca in merito su “nexus magazine” dell’aprile 2008, che sintetizza molte delle schifezze collegate agli OGM. Buon appetito!

  4. cordialmente

    4 giugno 2013 at 20:09

    Ho cercato la fonte, ma sul sito di Greenpeace.org NON ESISTE la lista in questione. Tanto per fare un esempio, sul sito non si parla mai dei Mini Baci (provate a cercare voi stessi:http://tinyurl.com/mkzhb9v).
    Ci sono altre liste, più o meno aggiornate, ma differenti, e molto più approfondite. Mi chiedo cosa spinga questi siti (a parte il voler attirare il click compulsivo di chi naviga nei social networks) a fare questo terrorismo psicologico inutile.

    • admin

      4 giugno 2013 at 22:21

      ci sono le fonti originali all’interno dell’articolo

      • cordialmente

        7 giugno 2013 at 11:00

        Confermo che sul sito di Greenpeage.org NON ESISTE la lista in questione.

        I link che avete inserito nell’articolo rimandano a 2 vecchie liste, pubblicate 7 (sette) e 10 (dieci) anni fa, e a un sito russo che cita come fonte un altro sito russo, che cita come fonte un altro sito russo, che non cita nessuna fonte greenpeace. Solo su quest’ultimo sito russo si parla ad esempio dei “mini kisses”, i “mini baci” che compaiono nella lista da voi pubblicata. Ma non si conosce la fonte, quindi mi sembra del tutto inattendibile.

        Cordiali saluti

  5. jon

    6 giugno 2013 at 16:58

    ma come fà a non puzzarti la cosa?vabbè che tanto c’è puzza in quasi tutti le cose di questo mondo..

  6. Roberto

    31 gennaio 2014 at 11:55

    MONSANTO ILLUMINATIS 666

  7. Lomello

    12 maggio 2014 at 13:51

    Esistono anche alimenti OGM NON DICHIARATI.
    In Italia da qualche anno è coltivata una varietà di riso che “casualmente” è resistente 10 volte più del normale ad un diserbo che per pura coincidenza è della stessa ditta che vende la semente.
    Questo riso non viene venduto come OGM ma lo è SICURAMENTE, i danni di questa coltura sono terrificanti: nelle risaie confinati a chi usa questo riso non cresce niente, la quantità di diserbante che rimane nel chicco è spaventosa.
    Che io sappia nessuno ha denunciato questa truffa tossica.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *